costruzione e secco

Costruzione a secco: caratteristiche e vantaggi

Nel panorama attuale dell’architettura e della costruzione, le tecniche innovative stanno rapidamente guadagnando terreno, promettendo efficienza, sostenibilità e flessibilità. Tra queste, le costruzioni a secco rappresentano una rivoluzione silenziosa ma profonda, che sta ridefinendo i confini del possibile nel settore edilizio. Dopo aver parlato della ristrutturazione bagno, in questo nuovo articolo esploreremo il mondo delle costruzioni a secco, una metodologia che elimina l’uso dell’acqua nei processi costruttivi, favorendo sistemi più leggeri, rapidi e meno impattanti sull’ambiente. Dalle sue origini fino alle applicazioni più moderne, viaggeremo attraverso i vantaggi e le potenzialità di questa tecnica, scoprendo come possa rispondere alle esigenze contemporanee di efficienza energetica, velocità di realizzazione e personalizzazione architettonica.

Costruzione a secco: partiamo dalle origini

costruzione a secco

La storia delle costruzioni a secco è antica quanto quella dell’umanità stessa, con prime testimonianze che si perdono nella notte dei tempi, quando i nostri antenati scoprirono l’efficacia di tecniche costruttive che non richiedevano l’uso dell’acqua. Dai monumentali muri a secco senza malta dei siti archeologici in Perù agli ingegnosi sistemi di interblocco utilizzati nelle piramidi egizie, la costruzione a secco ha dimostrato la sua resilienza e durabilità attraverso i secoli.

Nel corso del tempo, quest’arte si è evoluta, adattandosi alle esigenze e alle tecnologie di ogni epoca, fino a diventare quello che conosciamo oggi: un sistema costruttivo avanzato, che sfrutta materiali moderni come pannelli in gesso rivestito, legno, metallo e polistirolo, uniti insieme senza l’uso di acqua o malte. Questa evoluzione ha permesso alle costruzioni a secco di offrire soluzioni altamente personalizzabili, rapide da installare e incredibilmente sostenibili, rispondendo così perfettamente alle sfide del nostro tempo. Dalle sue umili origini alle sofisticate applicazioni odierne, la costruzione a secco ci racconta una storia di adattabilità e innovazione, dimostrandosi una scelta privilegiata per privati, imprese edili e agenzie immobiliari che guardano al futuro.

Rivoluzione edilizia: il ritorno e l’innovazione della costruzione a secco

La costruzione a secco, con le sue radici profondamente ancorate nella storia dell’architettura, rivela come già in passato, soprattutto in regioni come la Lombardia, molte abitazioni fossero edificate utilizzando tecniche che escludevano l’impiego dell’acqua. Questi metodi ancestrali prevedevano l’uso di pietre e mattoni posati a secco, senza malte o leganti idraulici, dimostrando già allora una straordinaria intuizione verso pratiche costruttive sostenibili e efficienti. Contrariamente a quanto si possa pensare, la costruzione tradizionale non ha sempre significato ricorrere a processi “umidi”, bensì ha visto nell’uso sapiente dei materiali naturali e nelle tecniche a secco una solida base per lo sviluppo del settore edile.

costruzione a secco

Negli ultimi anni, la tecnologia della costruzione a secco ha guadagnato terreno, offrendo soluzioni innovative che superano le limitazioni dei metodi convenzionali, come l’uso del mattone forato tenuto insieme da malta, sabbia e cemento. La precisione e l’efficienza definiscono la costruzione a secco, dove un’ossatura in alluminio, estremamente versatile e leggera, serve da scheletro portante per l’edificio. Questi montanti verticali, che si estendono dal pavimento al soffitto con spessori variabili, vengono poi tamponati su entrambi i lati con pannelli in cartongesso. Ciò elimina la necessità di interventi invasivi come la rottura dei mattoni per l’inserimento di impianti elettrici, presentando un sistema costruttivo non solo più rapido e pulito, ma anche altamente personalizzabile. 

Grazie alla sua flessibilità e ai numerosi vantaggi rispetto alle tecniche tradizionali, la costruzione a secco si posiziona oggi come una delle scelte più intelligenti e sostenibili nel campo dell’edilizia moderna.

Tutti i vantaggi della costruzione e secco

La costruzione a secco si distingue per la sua ineguagliabile pulizia e precisione nei cantieri, riducendo significativamente i margini di errore. Grazie all’impiego di tecnologie avanzate come il laser, posizionare un montante verticale diventa un’operazione di estrema precisione, superando di gran lunga l’incertezza che può accompagnare la costruzione di muri in mattoni, dove si è tradizionalmente dipendenti dalla manualità e dall’esperienza del muratore. Questo approccio innovativo assicura che ogni elemento della struttura sia perfettamente allineato, garantendo un risultato finale impeccabile.

In termini economici, la costruzione a secco offre una gestione del budget notevolmente più efficiente rispetto ai metodi tradizionali. La prevedibilità dei costi è uno dei punti di forza di questa tecnologia, permettendo di mantenere il progetto entro i limiti del preventivo stabilito, senza sgradevoli sorprese. Dal punto di vista dell’isolamento acustico e termico, la costruzione a secco raggiunge livelli di eccellenza difficilmente ottenibili con tecniche convenzionali:

Prestazioni acustiche superiori: immaginate due pareti di cartongesso, separate da un materiale fonoassorbente: questa configurazione trasforma gli spazi in ambienti di serenità acustica, schermando efficacemente i rumori indesiderati. Isolamento termico avanzato: l’isolamento termico è notevolmente superiore, contribuendo a creare interni confortevoli e energeticamente efficienti.

La flessibilità è un altro punto di forza indiscusso della tecnologia a secco. L’aggiunta di punti luce o prese supplementari, ad esempio, si realizza con facilità e senza la necessità di interventi invasivi. Questa modularità rende la costruzione a secco una soluzione estremamente versatile, capace di adattarsi alle esigenze specifiche di ogni progetto, offrendo vantaggi considerevoli e minimizzando gli svantaggi. In conclusione, la costruzione a secco si afferma come una scelta intelligente e sostenibile per l’edilizia moderna, portando innovazione e qualità nel settore.

Il futuro è nella costruzione a secco

In Italia, la metodologia della costruzione a secco non è diffusamente adottata come potrebbe, principalmente perché le imprese edili tradizionalmente si affidano a squadre di muratori e preferiscono non subappaltare lavori a compagnie specializzate in tecnologie a secco, temendo una riduzione dei propri margini di profitto. Tuttavia, presso lo Studio Angelo Pozzoli Architetto, da oltre due decenni, si abbraccia con convinzione il metodo della costruzione a secco, testimoniando l’efficacia e l’innovazione che questo approccio può portare nel settore edile.

Mondo delle ristrutturazioni interne o dei tavolati interni

costruzione a secco

Particolarmente apprezzati nel rinnovamento di spazi interni, questi sistemi di costruzione a secco permettono di trasformare e adattare ambienti con una libertà progettuale senza precedenti, minimizzando al contempo i disagi tipici dei cantieri tradizionali. I tavolati interni realizzati con tecniche a secco offrono un’ampia gamma di finiture e materiali, consentendo così di personalizzare ogni ambiente secondo gusti e necessità specifiche. Questa metodologia si rivela ideale per l’installazione di pareti divisorie, controsoffitti e rivestimenti, garantendo tempi di realizzazione rapidi e una notevole riduzione dei residui di cantiere. Inoltre, l’ottimo isolamento termico e acustico che caratterizza i sistemi a secco contribuisce significativamente al miglioramento del comfort abitativo, rendendo gli spazi più funzionali, accoglienti e sostenibili.


Parlando specificatamente di cartongesso, il mercato offre una vasta gamma di pannelli, garantendo una disponibilità elevata per rispondere a qualsiasi esigenza progettuale. I pannelli standard di cartongesso hanno uno spessore di 1,25 cm e sono comunemente utilizzati per creare pareti interne robuste e affidabili. Per garantire ulteriore resistenza, è pratica comune l’accoppiamento di due pannelli, di cui uno funge da elemento portante. Questa soluzione permette di appendere pensili e altri elementi in cucina senza alcun problema, dimostrando la versatilità e la solidità che la costruzione a secco può offrire. Inoltre, esistono varianti di pannelli in cartongesso specificamente trattati per essere resistenti all’acqua o al fuoco, così come i pannelli in fibrolegno, noti per la loro eccezionale portanza meccanica.

Questo approccio alla costruzione non solo amplia le possibilità progettuali ma promuove anche una maggiore efficienza e sostenibilità nelle pratiche edilizie, ribadendo come la costruzione a secco rappresenti un’opzione avanzata e intelligente per l’architettura contemporanea in Italia e oltre.


Se ogni pezzo è perfetto la stanza diventa un museo senza vita.

Nancy Lancaster

Gli esperti dello Studio Angelo Pozzoli Architetto rispondono


La costruzione a secco offre numerosi vantaggi dal punto di vista della sostenibilità. Utilizzando materiali leggeri, riduce significativamente il consumo energetico sia in fase di produzione sia durante il trasporto. Inoltre, molti dei materiali impiegati, come il cartongesso e i pannelli isolanti, sono riciclabili o provengono da fonti rinnovabili. Questo approccio minimizza l’impatto ambientale del cantiere, contribuendo agli obiettivi di sostenibilità del progetto.

Assolutamente sì. La costruzione a secco si presta perfettamente alla realizzazione di strutture multipiano grazie alla leggerezza dei materiali e alla resistenza delle soluzioni strutturali adottate, come le strutture in acciaio. Queste caratteristiche permettono di ridurre i carichi sulle fondazioni e di accelerare i tempi di costruzione, garantendo al contempo elevati standard di sicurezza e comfort abitativo.
La costruzione a secco si distingue per l’efficienza e la velocità di esecuzione. Riducendo significativamente i tempi di cantiere, permette anche di abbassare i costi indiretti legati alla gestione del cantiere stesso. Sebbene alcuni materiali possano avere un costo unitario superiore rispetto a quelli tradizionali, il risparmio generale sui tempi di costruzione e la minor necessità di manodopera specializzata rendono l’approccio a secco competitivo, se non vantaggioso, rispetto alla costruzione tradizionale.
La flessibilità è uno dei punti di forza della costruzione a secco. Grazie all’utilizzo di sistemi modulari e alla facilità di installazione dei materiali, è possibile modificare e personalizzare gli spazi interni con grande semplicità. Questo consente di adattare l’edificio alle esigenze specifiche degli utenti, sia durante la fase iniziale di costruzione sia in seguito, per eventuali ristrutturazioni o cambiamenti di destinazione d’uso.

CONCLUSIONI

Nel panorama dell’edilizia moderna, la costruzione a secco si distingue come una soluzione rivoluzionaria che promette di ridefinire i canoni tradizionali della costruzione. Con i suoi innumerevoli vantaggi, dalla riduzione dei tempi di cantiere all’ottimizzazione delle risorse, passando per un’impronta ecologica notevolmente minore, questo sistema costruttivo non è solo una risposta alle crescenti esigenze di sostenibilità ambientale, ma anche una chiara manifestazione di come l’innovazione tecnologica possa incontrare e abbracciare il design e l’architettura. Le strutture realizzate con la costruzione a secco sono la dimostrazione tangibile che è possibile coniugare efficienza, estetica e rispetto per l’ambiente in ogni progetto edilizio. Lo Studio Angelo Pozzoli Architetto, attraverso l’approfondimento delle caratteristiche e dei vantaggi di questa metodologia, invita professionisti e appassionati a considerare la costruzione a secco non solo come un’alternativa, ma come la scelta prediletta per il futuro dell’edilizia, dove ogni dettaglio è pensato per innovare, rispettare e valorizzare il mondo in cui viviamo.

Se è necessaria una soluzione personalizzata, prenditi il tempo di fare una ricerca sulle recensioni e scegli un professionista come Angelo Pozzoli Architetto, che ha anni di esperienza nell’aiutare i proprietari di casa a prendere decisioni riguardo l’arredamento di interni.

Visita il nostro sito e scopri tutti i progetti realizzati…  


STUDIO ANGELO POZZOLI ARCHITETTO

Ambienti visionari a portata di mano: superiamo ostacoli materici e strutturali di spazi esistenti. Progettazione e ristrutturazioni di ville ed appartamenti per committenze private nazionali e internazionali, ma anche di spazi pubblici e uffici, edifici e aree verdi: arredo cucina, arredo bagno, arredo soggiorno, arredo camera da letto, progettazione scale, Rendering 3d, Colori di design e molto altro…

CONCRETIZZA LA TUA IDEA DI BENESSERE

Un linguaggio architettonico che si ispira a parametri connessi alla tecnologia e alla qualità d’insieme, da Interior Creator il lavoro dell’architetto Angelo Pozzoli e dei suoi collaboratori si concentra sul dettaglio e sull’uso dei materiali, con attenzione alla sostenibilità.

Il tutto esaltando, nella creazione di ogni spazio della casa,  l’eccellenza di prodotti e fornitori. Ogni aspetto viene anticipato da una ricerca approfondita per scegliere il meglio e scartare il superfluo.

Il nostro team comprende solo i migliori decoratori e interior designer del settore. Ci assumiamo la responsabilità di ogni scelta. Nulla è banale, tutto è motivato da un gusto estetico ben allenato.

architetto-angelo-pozzoli

SEGUIMI SUI SOCIAL

Avatar photo
Angelo Pozzoli

Nasce a Cesano Maderno (Milano) nel 1961 in una famiglia di artigiani mobilieri, dopo aver conseguito il diploma all’istituto tecnico per geometri S. Elia di Cantù, frequenta la facoltà di architettura presso il politecnico di Milano. Durante gli anni dell’università lavora presso l’azienda di famiglia e contemporaneamente avvia il primo studio di “interior design” nel 1982 in società con l’architetto Maurilio Vaghi. Si laurea nel 1986 con una tesi in ambito nautico in collaborazione con il cantiere “Airon Marine” del lago di Como. Il periodo Universitario ha rappresentato una tappa importante per la sua formazione avendo la possibilità di frequentare le lezioni dei maestri del tempo come Achille Castiglioni, Marco Zanuso e Tomas Maldonado.